Campionato di Giornalismo il Giorno

Lo sport comunica con il mondo

LO SPORT crea un legame in chi lo pratica. Basta provare per capirlo ed entrare in sintonia. E’ utile praticare sport per imparare a stare con gli altri, infatti nello sport bisogna saper fare gioco di
squadra e comportarsi come il corpo umano, per valorizzare veramente la collaborazione. Ognuno ha un ruolo diverso, ma tutti perseguono lo stesso obiettivo. In un vero gioco di squadra è necessario inserire gli ingredienti principali dello sport: passione, divertimento e impegno.

ATTRAVERSO lo sport capirsi è più facile. Se si vince, si comunica la felicità di essere bravi, se si perde, si comunica la certezza di avere qualcosa da migliorare. Ma il messaggio principale dello sport è sempre lo stesso: il divertimento di tutti i partecipanti, perché chi si diverte non perde mai. Per esempio Andrea dice: «A calcio l’anno scorso ho conosciuto Carlos, un bambino proveniente dal Salvador che era in Italia solo da tre mesi. All’inizio non riuscivamo a comunicare perché lui non conosceva l’italiano, ma dopo qualche allenamento, ci capivamo con uno sguardo». Francesco aggiunge: «Una bambina cingalese, che in classe non capiva le consegne dell’insegnante, in palestra comprendeva subito le regole del gioco» Lo sport è importante perché, oltre a procurare divertimento, fa bene alla salute, sviluppa i muscoli, aumenta la resistenza, allena il cuore, migliora la coordinazione e, non meno importante, aiuta a sfogarsi. E’ importante cominciare a praticare uno sport fin da bambini perché, anche se lo si inizia solo per fare un po’ di movimento, può trasformarsi in una vera e propria passione.

QUASI TUTTI i bambini che sono stati intervistati fanno sport, non solo perché aumenta la forza dei muscoli, ma anche perché insegna a provare passione. Per questo è stato fatto un sondaggio, si è potuto così constatare che tra gli sport più praticati dai bambini di oggi figurano: la pallavolo, il basket, il tennis, lo sci, il judo, il pattinaggio su rotelle e su ghiaccio, il calcio, il nuoto, l’equitazione, la danza classica e moderna, la scherma, la vela e la corsa. Ci sono poi anche sport, che fino a non molti anni fa erano poco conosciuti e praticati, perché sono diventati di moda solo recentemente, come per esempio il kung-fu o il wu-shu-kung-fu, o ancora l’hip-hop, che forse però non può essere considerato uno sport a pieno titolo. Fino a circa cinquant’anni fa, molti genitori non erano d’accordo sul fatto che i loro figli praticassero sport, perché pensavano che fosse solo un gioco e preferivano invece che si concentrassero nello studio. Al giorno d’oggi invece è tutto il contrario: molti genitori insistono perché i bambini pratichino almeno uno sport. Anche la vita, in fondo, è come lo sport: se nello sport occorre fare gioco di squadra, così nella vita si deve collaborare e bisogna unire le forze per raggiungere un obiettivo comune, perché un uomo può cambiare qualcosa, ma tutti insieme possiamo cambiare il mondo.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA