Campionato di Giornalismo il Giorno

Istituto Compresivo G. Cardano Primaria «Battisti» Gallarate (VA) CLASSE 5^B

 La disabilità non ha limiti

Quando lo sport diventa protagonista e restituisce speranza e autostima

OGGI LO SPORT, nelle sue diverse discipline, è diventato accessibile a tutti, quindi non escludendo nessuno rappresenta un veicolo di inclusione per i diversamente abili. Accedere al mondo sportivo per una persona disabile non è facile come si potrebbe pensare, in quanto intervengono ostacoli interni e barriere esterne che rendono difficoltoso l'approccio allo sport. Le persone disabili possono esserlo dalla nascita, in seguito ad incidenti o a causa di malattie, questa mancanza diventa un ostacolo non solo fisico, ma soprattutto psicologico. ECCO CHE entra in scena lo sport che apre un mondo nuovo ed è proprio l'attività motoria che consente all'atleta con deficit di superare, con non poche difficoltà, questi ostacoli mentali e fisici. Infatti la pratica sportiva aiuta le persone a livello fisico a migliorare la resistenza, a sviluppare maggiore equilibrio; inoltre lo sport produce effetti decisamente positivi e importanti anche a livello psicologico perché permette di acquisire maggiore sicurezza verso le cose che si fanno e verso se stessi, contribuendo a ripristinare la fiducia nelle proprie potenzialità. Tutti, attraverso lo sport, mettiamo alla prova noi stessi, le nostre capacità, scoprendo di saper fare qualcosa di bello, così anche i diversamente abili, vengono a conoscenza delle potenzialità del loro corpo, anche se limitato in alcune funzioni, diventando grandi atleti. Nonostante l'esistenza di molti ostacoli pratici, diciamo che sport e disabilità sono una sfida ormai possibile grazie anche alla tecnologia applicata alla medicina per protesi innovative, leggere e funzionanti e altri strumenti che supportano e rendono possibile gareggiare anche a livello agonistico. A partire dal 1960, ogni quattro anni si disputano le olimpiadi per persone con disabilità, in parallelo con le Olimpiadi per normodotati. Nelle Paralimpiadi gli sport praticati sono tantissimi ed hanno permesso ad atleti disabili di gareggiare e vincere la medaglia d'oro, tra questi ricordiamo la campionessa di scherma Beatrice Vio, il campione di Formula 1 Alex Zanardi. Molti atleti intervistati hanno espresso il loro pensiero: “Non puoi mettere limiti a niente, più sogni, più vai lontano”; “Mai arrendersi! Il fallimento è solo il primo passo per il trionfo”; “Nello sport si vince senza uccidere, in guerra si uccide senza vincere”, frase pronunciata da Shimon Peres, premio Nobel per la pace 1994.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA