Campionato di Giornalismo il Giorno

Franciacorta, presepi dal mondo

 SONO ORMAI quindici anni che l'A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori di Organi, Tessuti e Cellule) organizza nell'Oratorio della Disciplina di Rovato una Mostra di Presepi da tutto il mondo, per far conoscere l'associazione stessa, diffondere l'informazione sul suo operato e raccogliere fondi. La mostra si è svolta fra dicembre e gennaio ed ha raccolto oltre 200 presepi provenienti da tutto il mondo, alcuni patrimoni storici di Rovato, come ad esempio il presepe in ferro battuto realizzato dai «Brüsafer» della scuola di Aldo Caratti, altri provenienti da collezioni private o donati appositamente per l'evento, come il presepe in vetro realizzato dall'artista rovatese Davide Castelvedere. L'ESPOSIZIONE vuole raccontare come, nelle diverse culture e tradizioni dei popoli del mondo, un presepe, grande o piccolo, semplice o elaborato, possa essere non solo una rappresentazione familiare del Natale, ma anche e soprattutto un simbolo di rinascita. È proprio partendo da quest'ultimo significato che l'A.I.D.O di Rovato da anni si impegna in questa mostra, per avvicinare la gente al tema della donazione, nella convinzione che da una vita spezzata possa nascere altra vita. La speranza di Rinaldo Vezzoli, presidente della sezione di Rovato, e degli altri volontari è quella di riuscire a diffondere verso un numero sempre maggiore di persone l'idea di solidarietà unita a quella di responsabilità. Il contesto natalizio, rende la gente più propensa alla riflessione concernente i temi della donazione e della vita, per cui è più facile riuscire a dedicare un po' del proprio tempo nel visitare mostre di questo tipo. L'associazione, attraverso questo evento, ha modo di incontrare gente, distribuire volantini e diffondere l'idea di consapevolezza che le malattie degli altri, le loro difficoltà a vivere normalmente debbano coinvolgere anche noi. Il messaggio che si vuole comunicare è che tutti, nel momento in cui si dimostrano disposti a fare, possono offrire il proprio contributo, anche se modesto, e cambiare le cose in meglio.

CLICCA QUI PER APRIR LA PAGINA