Campionato di Giornalismo il Giorno

Rivoluzione green a scuola

Ore e ore  sui banchi di scuola, i bambini respirano inevitabilmente un'aria viziata, con alti livelli di anidride carbonica, cui si aggiungono lo smog proveniente dall'esterno e i veleni derivanti da mobili, detersivi e colle. Un vero problema. Problema che porta con sé malattie respiratorie e allergie con un trend crescente, come riportano i dati Istat, che possono influenzare il diritto dei bambini ad andare a scuola, imparare e giocare coi compagni. Per contribuire a combatterlo si è scomodata persino un'agenzia spaziale, la Nasa, che già alla fine degli anni Ottanta ha portato avanti uno studio sulle piante. Alcune piante di appartamento avrebbero la capacità di purificare l'aria.

L'Istituto di Biassono – capofila delle scuole della Lombardia - ha accolto i suggerimenti ottenuti dai risultati della ricerca sulla qualità dell'aria nelle scuole, commissionata dal Ministero dell'Ambiente, proponendo il progetto «Benessere a scuola attraverso il verde». Martedì 23 gennaio sono intervenuti i florovivaisti Tiziano Cozzaglio e Alessandro Bonanomi per spiegare la scoperta: le piante, da sempre importantissime per la sopravvivenza degli esseri viventi sul pianeta, hanno delle caratteristiche che permettono di depurare l'aria da sostanze tossiche per il nostro organismo. E' per questo che a breve ci saranno dei nuovi «compagni di banco»: le piante antismog. Il progetto prevede la collocazione di alcune specie di piante antinquinanti, corredate da scheda tecnica con le caratteristiche, in spazi comuni della scuola, come l'atrio e i corridoi, oltre che in tutte le aule. I ragazzi di quinta avranno il compito di «genitori» e provetti giardinieri: dovranno monitorarne la salute, accudirle e farle crescere; inoltre svolgeranno un'azione di tutoraggio nei confronti degli altri alunni della scuola, che riceveranno dai compagni indicazioni dalle schede tecniche di ciascuna pianta. Di certo non mancheranno altri accorgimenti contro l'aria viziata, come arieggiare le aule, tenere le finestre aperte durante le operazioni di pulizia per evitare che le sostanze inquinanti presenti nei detergenti restino all'interno dell'aula, pulire con panno bagnato le lavagne. Però per migliorare l'aria si accoglierà l'aiuto offerto dalla natura grazie alla presenza delle piante antiveleni.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA