Campionato di Giornalismo il Giorno

Draghi si nasce e si diventa

 L' EDUCAZIONE al volontariato è molto importante per i ragazzi, cittadini del domani, è utile per una partecipazione attiva nella comunità, e dovrebbe essere insegnata già alle medie: ricordiamoci che i bambini hanno ancora il cuore grande! Per comprendere cosa significa «fare volontariato», gli alunni hanno incontrato alcuni volontari di «Davide il Drago», un'associazione onlus legata in modo molto stretto alla storia della scuola: Davide Grillo, figlio del presidente Michele, infatti, era alle elementari quando fu colpito da una malattia che lo portò alla morte. MICHELE reagì alla mancanza improvvisa di suo figlio pensando a come tenerne viva la presenza e a come aiutare le famiglie che affrontano una situazione che lui conosce. Ha perciò istituito l'onlus, scegliendo il nome in onore della profonda passione del bambino per i draghi. Davide è molto presente nei ricordi dei compagni di classe che hanno iniziato il loro percorso alle medie: Leo, Melany e Benedetta, che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, ne hanno raccontato la forza e la passione: «Il suo drago preferito è ancora nella sua classe. Gli piaceva forse perché poteva essere forte come lo è stato lui». Anche loro, oggi, fanno parte dell'associazione. «Davide il Drago» aiuta i ragazzi malati e i loro familiari a trascorrere ore lontani «dalla sofferenza che la malattia, le terapie e l'ospedale rubano loro», come dichiara la sua mission. Per farlo ha bisogno dell'aiuto di molti, volontari e professionisti come Nadia Galimberti, arteterapeuta che porta avanti il progetto «Arte in Pediatria» nell'ospedale di Garbagnate Milanese: i bambini disegnano dei soggetti liberi, che Nadia osserva per capire come stanno i piccoli pazienti. «Aiutiamo bambini e ragazzi afflitti da malattie difficilmente curabili, per offrire la possibilità di vivere in maniera più spensierata il maggior numero di ore possibili» dice Nadia. I Draghi, gli amici di «Davide il Drago», portano avanti molti progetti, ma ce n'è uno speciale: l'istituzione della Casa Sollievo Bimbi Vidas, un hospice per bambini; il piccolo Davide ne ha frequentato uno per soli adulti e il padre sa quanto sia importante che i piccoli sfortunati trascorrano la fase terminale della vita in una struttura adeguata alla loro età. Per sostenere e realizzare questi ed altri progetti, l'associazione utilizza le donazioni, la raccolta fondi, i bandi e il contributo 5x1000.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA