Campionato di Giornalismo il Giorno

Uomo schiavo della tecnologia

 LA TECNOLOGIA, nella nostra società, è diventata indispensabile per l'uomo. Essa ha portato nella vita di tutti noi una svolta importante, basti pensare ai gesti semplici che compiamo ogni giorno. Uno di questi, ad esempio, è leggere il giornale: ormai sono ben pochi quelli che lo acquistano in edicola; la maggior parte delle persone lo leggono grazie ai vari siti internet sui vari dispositivi elettronici. La tecnologia ha i suoi pro e contro e noi possiamo solo accettarli. GRAZIE AD ESSA noi tutti possiamo essere collegati l'un con l'altro, anche da due parti opposte al mondo. Quindi possiamo abbattere le distanze e condividere le nostre idee con tutti. Un altro aspetto positivo sono le grandi scoperte in campo medico: attualmente molte malattie, che erano state dichiarate incurabili, possono essere sconfitte o perlomeno controllate utilizzando macchinari all'avanguardia. L'altra faccia della medaglia è che ci siamo indeboliti dato che si è sempre più dipendenti da medicinali e tecnologie mediche che spesso ci salvano la vita, ma contemporaneamente hanno reso più forti virus e batteri. Anche parlando delle allergie oggi ne soffriamo sempre di più, colpa di modificazioni ambientali che ci hanno reso sempre più dipendenti dagli antistaminici. Un altro aspetto negativo può essere che la tecnologia sta «schiavizzando» la popolazione, rendendo il dialogo tra le persone sempre più difficile. Infatti, se oggi dobbiamo comunicare tra di noi, non lo facciamo più «faccia a faccia», bensì attraverso i vari social network. Quante volte entrando in un ristorante per cenare, notiamo tavolate intere di persone sedute l'una accanto all'altra, in silenzio, che guardano i loro telefonini evitando ogni tipo di linguaggio verbale tra loro Per capire meglio la gravità della situazione basti pensare che ogni minuto su Facebook 1,8 milioni di persone mettono «mi piace», vengono caricate circa 72 ore di video su Youtube; ogni secondo su Instagram vengono pubblicate 3600 foto e 8500 «like». Le piattaforme più utilizzate al mondo sono Facebook, Whatsapp e Youtube, in aumento Instagram. Tutto questo ci deve portare ad un'attenta valutazione delle nuove tecnologie sempre più in pieno sviluppo: non dobbiamo abusare di questo continuo progresso.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA