Campionato di Giornalismo il Giorno

La rivolta degli uragani

 SAPPIAMO tutti che nel 2017 molti uragani dall'impatto devastante hanno colpito le isole tropicali e l'America. Queste zone sono abituate a subire eventi di questo tipo, ma quest'anno il livello di violenza degli uragani ha raggiunto livelli record, al punto da farci porre preoccupantidomande sul futuro: cosa causa questo incremento nella potenza degli uragani Siamo destinati a subire sempre di più la forza della natura senza poter fare nulla L'EVENTO più drammatico dell'anno è stato sicuramente l'uragano Irma, che a settembre ha devastato le isole caraibiche dell'Atlantico e la Florida raggiungendo una potenza mai registrata prima. Purtroppo non è stato l'unico uragano catastrofico del 2017; durante la stagione degli uraganici sono stati ben 17 cicloni (un record), molti dei quali di estrema violenza: oltre a Irma, infatti, anche Harvey, Jose e Maria hanno raggiunto alti livelli di potenza, classificandosi nella categoria 4. Le conseguenze sempre più drammatiche di questi fenomeni portano a chiedersi quali siano le cause di un tale peggioramento e soprattutto quale futuro ci aspetta: si stanno effettuando molte ricerche e i pareri non sono unanimi, ma sembra proprio che ci sia un collegamento tra riscaldamento globale dovuto all'inquinamento e modificazione del clima. Il GeophysicalFluid Dynamics Laboratory (GFDL), una divisione dell'agenzia degli Stati Uniti che si occupa di meteorologia, ha pubblicato vari studi a riguardo. Il dibattito è ancora aperto, ma le ricerche indicano che l'innalzamento delle temperature dovuto ad attività umane e all'emissione di anidride carbonica sta producendo profondi cambiamenti sul clima: ciò porterà a cicloni in media del 2-11% più intensi e dunque a un potenziale distruttivo molto più alto, oltre che a un aumento delle piogge stimato addirittura nel 10-15%. Inoltre è ormai provato che il livello dei mari, con conseguenti maggiori alluvioni, sta aumentando a causa del riscaldamento globale ed è stato calcolato che a ogni grado di aumento della temperatura media i venti si rafforzano di circa 8 chilometri orari: ecco perché stiamo raggiungendo nuovi livelli record nella velocità dei venti. Insomma, cari compagni di pianeta, i cambiamenti climatici dipendono proprio da noi: riusciremo a gestire la situazione oppure la natura si ribellerà.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA