Campionato di Giornalismo il Giorno

Adda, ieri e oggi

 SVOLTO tra dicembre e gennaio, il sondaggio si proponeva di scoprire i cambiamenti avvenuti negli ultimi decenni nel rapporto fra l'Adda e gli abitanti di Suisio, paese sulla sponda bergamasca del corso d'acqua. Attraverso il questionario, rivolto a 150 adolescenti e 50 anziani ultrasessantenni residenti nel Comune, è emerso che oggi il fiume per i ragazzi rappresenta ancora un luogo di contatto con la natura, ma lo frequentano molto poco, mentre gli ultrasessantenni, un tempo, si recavano sulle sue rive in una settimana più volte dei giovani di oggi in un anno intero. LO CONSIDERAVANO un passatempo, un luogo di incontro con amici e famigliari. Sia gli adolescenti che i loro nonni sono comunque d'accordo nel riconoscere il fiume come oasi naturale, in un territorio molto urbanizzato e industrializzato. Un tempo, si svolgevano al fiume attività oggi scomparse, come lavare i panni e raccogliere legna e frutti di bosco e spesso ci si ritrovava per pescare. La pesca era fonte di cibo indispensabile alle famiglie, invece oggi è uno sport e il pesce si ributta in acqua: questo metodo si chiama pesca «No kill». Riguardo all'inquinamento delle acque, si è riscontrato che sia gli anziani che gli alunni pensano che l'acqua del fiume sia più inquinata rispetto a un tempo, perché in questi anni sono state edificate molte industrie. E vi è la convinzione, in entrambi i gruppi, che il rispetto verso le risorse del fiume fosse maggiore in passato. La soluzione proposta dalla maggior parte degli anziani ed anche dei ragazzi, è la necessità di educare i bambini, fin da piccoli, al rispetto dell'ambiente; in alternativa, possono essere utili i cartelli che richiamino le leggi a tutela dell'ambiente. Le risposte scientifiche riguardo la condizione dell'acqua dell'Adda sono contenute in alcune ricerche pubblicate sul sito di Arpa Lombardia. Il campionamento più vicino a Suisio è stato effettuato il 20 gennaio 2016 a Trezzo sull'Adda, che si trova a circa 9 km in direzione sud. Per valutare il livello di inquinamento dell'acqua si utilizza il LIMeco, un descrittore che integra i valori di quattro parametri: azoto ammoniacale, azoto nitrico, fosforo totale e ossigeno disciolto. La scoperta L'acqua non è pura, ma si può tranquillamente fare un tuffo!

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA