Campionato di Giornalismo il Giorno

La piazza Da Vinci nei sogni

 PER GLI ALUNNI della scuola elementare Leonardo da Vinci, l'omonima piazza che si trova proprio davanti scuola, non è un luogo qualunque. È il luogo che per cinque anni ci ha accolto ogni giorno, giocando qui prima e dopo le nostre ore di lezione. Conserviamo tanti bei ricordi di questo posto, ricordi che ci vedono protagonisti, ricordi che ci aiutano ad apprezzarlo sempre più: sappiamo anche che tutto potrebbe essere ancora più bello. OGGi, infatti, la piazza è molto trascurata: sembra vuota, grande ma con poche cose, la fontana perde acqua, alcune panchine sono rovesciate. La sera, al buio, fa quasi paura. Proprio per questo, quindi, abbiamo ideato un restyling utile a far diventare Piazza LdV, «la piazza delle meraviglie». Come primo intervento, considerando che molti dei nostri genitori, e addirittura nonni, hanno frequentato la nostra stessa scuola, ci piacerebbe che in piazza ci fosse la statua di un bambino e una bambina con le nostre divise scolastiche, scolpita in onore di tutti gli alunni che hanno frequentato e frequenteranno la «Leonardo da Vinci». Inoltre, vorremmo più verde, alberi dalle grandi chiome e panchine colorate magari dalla forma moderna e originale, i bagni pubblici e magari un locale insonorizzata con tavoli e poltrone dove poter leggere e organizzare il «bookcrossing». Artisti di strada, musica dal vivo, street food, vorremmo che ci fossero installazioni temporanee di casette di legno per organizzare tornei di Rollinz, scambi di figurine o un rifugio per i racconti segreti tra bambine. Per rendere Piazza LdV un punto di ritrovo serale, abbiamo pensato a vicoletti asfaltati con luci integrate che indicano il percorso e grandi lampioni originali che riflettono forme e disegni sulle facciate degli edifici intorno, in maniera unica e suggestiva. Qualche albero contornato di piccole luci per rendere il luogo quasi magico e un piccolo restauro per la storica fontana di Cascella: la immaginiamo illuminata dall'interno, con effetto cromoterapia e luci cangianti che creano giochi d'acqua a ritmo di musica. E poi Beh, almeno tre fontane pubbliche di acqua potabile sparse in vari punti, pratiche e comode, utili anche per i ciclisti che percorreranno una pista ciclabile che già immaginiamo. Piazza LdV così sarà fantastica e libera dalle barriere architettoniche. Sarà proprio la piazza di tutti!

 

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA