Campionato di Giornalismo il Giorno

Baldinucci 85 guarda al futuro

«LA BOVISA ha perso qualcosa». Così il signor Alessandro Matta, falegname dei laboratori Scala, definisce il trasferimento dei magazzini da via Baldinucci. Anche Antonio Mercurio, ex capo macchinista, e Maria Contadi, capo guardaroba in pensione, sono d'accordo che la Bovisa abbia perso parte di sé. Siamo nel 2001: dopo 76 anni il Teatro decide, per mancanza di spazio, di trasferire i magazzini in via Bergognone. Da qui anni di degrado, incendi, occupazioni, che culminano nel 2008 con la loro demolizione. TRA IL 2003 e il 2005 c'è stato un accordo di programma tra due enti, il Comune di Milano e il Politecnico, per realizzare una residenza universitaria con l'intento di creare un mix sociale che collegasse la vita degli studenti a quella dei residenti, offrendo anche servizi commerciali: il sogno era quello di mantenere un quartiere vivo e attivo come ci ha spiegato il professore del Politecnico Francesco Infussi, che aveva guidato il progetto. «Sarebbero stati realizzati quattro edifici, 218 posti letto distribuiti su sei piani. Ogni alloggio, pensato anche per accogliere disabili, avrebbe ospitato due studenti». Una legge del '94 imponeva però la realizzazione di parcheggi: questo ha fatto salire i costi rendendo necessario un cofinanziamento, mai arrivato, da parte del MIUR e di un privato. «Le numerose difficoltà fecero abbandonare il progetto» ha concluso il Presidente del Consiglio di zona 9, Giuseppe Lardieri. «Lo studentato va benissimo, ma io avrei preferito uno spazio tutto verde» confessa l'architetto Raffaele Todaro, Assessore all'Urbanistica del Municipio 9, riguardo ai progetti futuri. Nel 2014 il MIUR ha proposto un nuovo bando che prevede che il Comune ceda l'area degli ex magazzini al Politecnico sviluppando un progetto di uno studentato. Il Ministero dovrebbe stanziare 5/6 milioni di euro per l'opera consentendo l'apertura del cantiere entro la primavera del 2018. «Ma questa idea è parte di un unicum, di un progetto più ampio di riqualificazione delle aree dismesse della zona 9, di cui fanno parte anche la Goccia e lo Scalo Farini. C'è la volontà di mettere in relazione aree funzionali ai cittadini e a chi arriva da fuori Milano». Un nuovo progetto che è una speranza. Da ormai troppo tempo via Baldinucci 85 ha bisogno di un rinnovamento.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA