Campionato di Giornalismo il Giorno

194 anni… e non li dimostra

RISALE al 1824 la notizia che Rovato ha una banda musicale. Non suonatori in divisa al servizio degli eserciti, ma un centro di educazione musicale, per perfezionare lo studio tecnico degli strumenti. Nei documenti d'archivio si parla di pochi suonatori: una ventina. Il nostro territorio, allora, era occupato dagli Austriaci e la banda, per riunirsi, doveva avere l'autorizzazione della polizia austriaca. Era un adempimento indispensabile secondo le autorità; in ogni banda, infatti, si sarebbe potuto nascondere un covo di patrioti. DAI DOCUMENTI emerge che nell'800 la banda di Rovato partecipa ai servizi religiosi, inoltre accompagna recite, intermezzi musicali o esibizioni in prosa, che si tengono nella Sala del Consiglio Comunale, dove opera una compagnia teatrale. E' questo il centro della cultura rovatese. Dagli elenchi dei suonatori si apprende che interi gruppi familiari si tramandano, da una generazione all'altra, la passione per la musica. Nel 1848 alla banda di Rovato viene riconosciuto il titolo di “Banda Civica”: il Comune provvede all'acquisto degli strumenti e alle necessità finanziarie. Una banda civica ben preparata è motivo di orgoglio per tutti. All'inizio del '900 la banda ha un grande sviluppo. Per tre anni è diretta dal maestro Luigi Pezzana, da cui prenderà poi il nome. I musicanti sono operai, contadini, artigiani e commercianti che, di sera, si riuniscono per imparare a suonare. Le donne sono rigorosamente escluse. Nel 1975 l'arrivo del maestro Domenico Coradi rinnova l'immagine della banda, arricchendola di entusiasmo, di motivazione e di un nuovo repertorio musicale. In trentasei anni di direzione molte cose sono cambiate. Accanto ad una banda che supera il numero di 60 strumentisti e che, oltre ai servizi religiosi e civili, si impegna nei concerti e nei concorsi, è nata una Junior Band, una nuova generazione in fase di formazione. In quasi tutte le classi del nostro Istituto ci sono studenti che suonano e che aspettano, come un premio, il via per partecipare ai servizi. E' un onore entrare in una grande banda con una storia prestigiosa alle spalle. Le nostre compagne di classe attendono quel momento con trepidazione. Ora la banda ha 194 anni... e non li dimostra. Nel 2014 ha festeggiato il compleanno con un indimenticabile concerto al Teatro Grande di Brescia e c'è da credere che continuerà a stupirci.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA