Campionato di Giornalismo il Giorno

Primi passi verso il futuro

ENTRO FEBBRAIO, insieme a migliaia di ragazzi in tutta Italia, dovremo decidere quale Istituto di Istruzione Superiore frequentare il prossimo anno e, mentre la scadenza si avvicina, le nostre ansie crescono. Per aiutarci in questo difficile compito, la nostra scuola, grazie al lavoro di un'apposita commissione e in collaborazione con le varie scuole del circondario, ha organizzato varie attività di orientamento: open day, stage, visite guidate. «ORIENTARE» significa aiutare l'individuo a prendere coscienza di sé e della realtà occupazionale, sociale ed economica che lo circonda, per poter poi effettuare una scelta autonoma, efficace e congruente con il contesto. Da un lato infatti le attività proposte dal nostro istituto mirano a far capire quali siano i nostri punti di forza, momento di riflessione davvero importante per intraprendere un percorso scolastico che possa aiutarci a realizzare i nostri sogni. Dall'altro, considerato il periodo di crisi che il nostro Paese sta attraversando, creare un «progetto di vita» realistico che tenga conto della nostra realtà socio-economica. E diventa quindi indispensabile, per la scelta, sapere quali sono le figure professionali più richieste sul territorio. Da questa necessità è partito dallo scorso anno il «Progetto orientamento», nato dalla collaborazione tra il nostro Istituto ed il CAF (Centro Aiuto Famiglie) di Romano di Lombardia, destinato a tutti gli gli studenti delle classi terze. Grazie a questo sodalizio, noi alunni delle classi terze, divisi in gruppi e accompagnati dai nostri insegnanti, abbiamo potuto visitare alcune aziende, attive nei settori produttivi e dei servizi: l'Asilo Nido «La Chiocciola» (servizi per la prima infanzia), la Falegnameria Cometti (artigianato e grafica), l'Hotel Ristorante Mariet (ristorazione ed accoglienza), la Cooperativa Gasparina di Sopra (agricoltura biologica e comunità terapeutica), Usuelli Group (logistica e distribuzione) e MTM (officina riparazioni auto e demolitore). In supporto a questo progetto numerosi sono stati i soggetti coinvolti, fra cui vogliamo ricordare e ringraziare soprattutto i volontari della «Associazione Carabinieri in Congedo», che ci hanno accompagnato durante il tragitto lungo strade trafficate e verso le aziende dislocate lontano dal nostro istituto.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA