Campionato di Giornalismo il Giorno

Due manovre salvavita

 È NOTO che il cibo, una volta masticato in bocca, attraverso l'esofago arriva nello stomaco. A volte può capitare che il cibo vada di traverso o che inavvertitamente si ingoi un oggetto e allora si comincia a tossire per cercare di eliminare l'occlusione e riprendere a respirare tranquillamente. Ma come intervenire se non si riesce a far uscire il boccone o l'oggetto ingerito solo tossendo Come comportarsi poi nel caso di arresto cardiaco NEL PRIMO CASO bisogna saper fare la manovra di Heimich, nel secondo occorre intervenire con il massaggio cardiaco. Gli alunni delle classi quinte dell'Istituto Comprensivo di Basiglio, il 16 Novembre hanno imparato queste due manovre salvavita grazie al progetto «Un Pic- nic mozzafiato», inserito nel percorso di Educazione alla salute. Istruttori certificati e volontari di P.A. Croce Amica Basiglio e personale dell'Italian Resuscitation Council hanno prima illustrato il virtual book «Un Pic- nic mozzafiato», una fiaba multimediale ideata dall'IRC. I soccorritori hanno spiegato poi, con l'ausilio di manichini, come realizzare le corrette manovre di disostruzione delle vie aeree e di rianimazione cardio-polmonare. I bambini coinvolti nel progetto hanno potuto mettere in pratica il massaggio cardiaco e la manovra anti-soffocamento su manichini simulando l'intervento su bambini e ragazzi. Gli alunni hanno sperimentato la manovra di Heimich che si pratica solo nelle persone coscienti, e si effettua alternando 5 colpi alla schiena con 5 spinte addominali. Divisi in gruppi hanno avuto la possibilità di simulare più volte sia la manovra di disostruzione che il massaggio cardio polmonare, sempre controllati e spronati dai volontari di Croce Amica. I volontari hanno spiegato che in attesa che ogni scuola sia dotata di un defibrillatore e che si attui la formazione per l'utilizzo dello strumento, è indispensabile saper praticare le due manovre. L'intervento ha fatto anche riflettere su alcuni comportamenti scorretti che possono provocare il soffocamento. Mettere in bocca il cappuccio della penna, ad esempio, è molto pericoloso e spesso i ragazzi lo fanno senza pensare alle conseguenze. Imparare la sicurezza significa saper prevenire i pericoli e saper fronteggiare situazioni critiche.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA