Campionato di Giornalismo il Giorno

Mondo out, musica in

 «LA MUSICA aiuta a non sentire dentro il silenzio che c’è fuori» (Bach). Una frase che potrebbe rappresentare molti adolescenti, perché la musica è il linguaggio universale dei giovani. Quando c’è musica non servono molte parole perché avvicina anche chi parla lingue diverse. Per i giovani è una sorta di gabbia che li protegge e li consola dal mondo esterno; trovano delle risposte che nessuno può dare, si sentono a loro agio, liberi dalle incertezze e dai problemi. I RAGAZZI amano condividere la musica con gli amici, apprezzano lo stesso cantante che, spesso, viene preso come esempio, imitato nell’abbigliamento e negli atteggiamenti. Il rapporto tra i giovani e la musica è diventato più stretto rispetto al passato. Ma come mai gli adolescenti sono così legati alla musica? Forse perché i testi o la melodia li rappresentano, consolano e accompagnano in ogni situazione. Quindi la musica è come uno specchio: riflette le emozioni dei giovani attraverso le parole di cui è composta. È un’arte vera e propria per tutte le generazioni: ha il suo compositore che, attraverso le parole, riferisce un messaggio che regala emozioni. Ai giovani spetta il compito di interpretarlo e usarlo nel modo che ritengono giusto. La musica si ascolta con vari strumenti: molto comuni sono le cuffiette collegate al cellulare o al lettore MP3 e il Bluetooth; al primo posto c’è Youtube (usato dal 75,5% dei giovani). Meno utilizzati sono i CD e la radio (l’ascolta ben l‘82,3% dei 30-35enni contro il 59% dei 13-19enni). Il 43,3% dei giovani preferisce scoprire nuova musica, gli adulti, invece, sono più attaccati ai ricordi e ascoltano canzoni di cantanti e band “dei loro tempi” (Queen, U2, Pink Floyd, The Beatles, Renato Zero, Eros Ramazzotti, Vasco Rossi, Lucio Dalla). I generi più ascoltati sono pop (42%), rock (23,4%) e hip-hop (18,7%) mentre il classico risulta una scelta elitaria (4,8%). Quest’ultimo, forse, non è ascoltato e apprezzato perché ai giovani sembra noioso e lontano dal loro mondo o perché non lo conoscono. A Morbegno chiunque abbia passione per la musica può mettersi in gioco, frequentando il Lokalino o diverse scuole, come la «Dante Milani» e la «Monteverdi», dove i ragazzi possono trovarsi, sviluppare e far crescere questo loro amore, perché la musica è un’amica silenziosa: dà una mano senza chiedere nulla in cambio!

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA