Campionato di Giornalismo il Giorno

Biancona, la regina di Oreno

 LA PATATA bianca di Oreno dal 2008 ha ricevuto il marchio «Made in Brianza», rilasciato ai produttori che rispondono a uno specifico disciplinare. È un tubero molto speciale, tondeggiante tendente all’ovale, medio-grosso, di peso dai 100 ai 600 grammi ciascuno; la buccia è liscia, di colore giallo, mentre la polpa è bianca. La patata Biancona DOP di Oreno cresce solamente in un terreno morbido, sabbioso e abbastanza umido; infatti è speciale proprio per il suolo, caratterizzato da un ottimo equilibrio tra i diversi componenti minerali e capace di trattenere l’umidità, evitando il ristagno. LE CARATTERISTICHe della patata di Oreno sono individuate da un disciplinare e sono queste: è una patata a pasta bianca, farinosa, dal sapore particolarmente ricco e intenso, ideale per gli gnocchi, molto indicata per gli impasti perché la sua consistenza consente di amalgamare bene gli ingredienti; subisce pochissimi trattamenti chimici; vengono utilizzati solo in via eccezionale, ricorrendo a quelli a basso impatto; la patata di Oreno si semina a fine marzo - inizio aprile e si raccoglie a settembre. Vicino alla cascina Lodovica di Oreno si può ammirare una statua dedicata ad un certo Antonio Muller. Come mai? Chi è costui? Era un abate di Oreno, che inizialmente possedeva un vigneto. Poi, quando il raccolto andò male, provò a piantare la patata e il raccolto fu molto soddisfacente, perciò continuò a coltivarla. Da quel momento, in tutto il territorio di Oreno si diffusero le attuali coltivazioni di patate. Quindi è proprio grazie a lui che Oreno è conosciuta come il “paese delle patate”. Per coltivare la patata, prima di tutto bisogna concimare il terreno - si ara o con l’aratro o con la vanga - quindi si piantano le patate; non si semina mai tutta una patata, ma si usa una parte di tubero che abbia già un germoglio; dopo 40 giorni si zappano e poi si ricoprono di nuovo con la terra. Dopo tutto questo lavoro faticoso, le patate sono pronte per essere raccolte e vendute. Attenzione: non devono mai essere lavate mentre si conservano, altrimenti diventano verdi! Se volete gustare al meglio le patate DOP di Oreno, potete preparare un bel piatto di gnocchi o di purè, crocchette o fritture leggere. Dovete anche sapere che con il bellissimo fiore bianco delle patate di Oreno si produce un ottimo miele.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA