Campionato di Giornalismo il Giorno

I rifiuti diventano una risorsa

 OGNUNO di noi produce una grande quantità di rifiuti, circa 500 kg all’anno, più di 1 kg a persona al giorno. Ecco perché Parabiago, la nostra città, ha deciso di investire nel progetto «Chiamati a raccolta» per invitare i suoi cittadini a differenziare di più e trasformare in risorse i rifiuti che rischiano di accumularsi nelle discariche. Nella raccolta differenziata, l’Italia è in ritardo, ma sta crescendo con il 47,5% di media nazionale. Il nostro comune ha raggiunto, invece, il 63%, ma vuole arrivare al 70% perché la raccolta differenziata è importante non solo per gli esseri umani, ma anche per l’ambiente. QUELLO CHE non tutti sanno è che il riciclaggio trasforma i rifiuti in materiali riutilizzabili e risparmia sulle materie prime. In due incontri, il comune di Parabiago, in collaborazione con l’AEMME, ha voluto sensibilizzare i ragazzi delle scuole a cui è stato affidato il compito di diventare ambasciatori di buone pratiche presso i coetanei e, soprattutto, gli adulti. Attraverso spiegazioni, video e attività ludiche i ragazzi hanno scoperto che i rifiuti si possono riutilizzare, trasformando, ad esempio, la plastica in pile; la carta in fogli che permettono l’uso di meno energia elettrica, acqua ed alberi; l’umido in compost. Si è così scoperto che l’umido risulta uno spreco, poiché può essere utilizzato per produrre compost, 1 T di carta riciclata richiede circa 400.000 litri d’acqua e 5000 kWh in meno di una stessa quantità di carta nuova, oltre a risparmiare 15 alberi. Ad ogni rifiuto il proprio contenitore: gialloplastica, marrone-umido, biancocarta, verde-vetro e lattine, viola indifferenziata, pile e farmaci in appositi raccoglitori. Anche la scuola è stata dotata di bidoni di cartone che identificano in modo chiaro dove conferire i rifiuti (carta, plastica, indifferenziata). Riciclare è dunque un piccolo ma importante gesto che dev’essere compiuto da tutti noi, che rispetta la natura ed elimina parte dell’inquinamento atmosferico, provocato da inceneritori (causa con i loro fumi di effetto serra e piogge acide) e discariche (colline di veleni per il terreno e le falde acquifere). Basta quindi veramente poco a trasformare un rifiuto in una risorsa: senso civico, attenzione e continua informazione. Solo così la «R» potrà diventare più risorsa e sempre meno rifiuto.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA