Campionato di Giornalismo il Giorno

La festa dei popoli

NELL'OTTOBRE scorso, si è svolta a Somma Lombardo, la Festa dell'Intercultura, che ha visto esibirsi, in uno fantastico spettacolo, tanti bambini di etnie diverse. Ogni scuola della città ha fatto la sua presentazione ed ha eseguito un pezzo del proprio repertorio preparato proprio per questo evento. Hanno aperto e poi chiuso lo spettacolo i ragazzi della terza media, con un saggio di ginnastica artistica molto apprezzato. Poi, a mano a mano, si sono esibiti i bambini delle scuole primarie. I bambini della scuola «Giorgio Macchi» hanno recitato e interpretato con dei lunghi teloni blu e azzurri una poesia: «Acqua fonte di vita». Poi hanno mimato il motivo del celeberrimo brano di Eugenio Finardi «La canzone dell'acqua». IL TEMA conduttore della manifestazione era l'acqua. Anche la scuola dell'infanzia era presente, con i più piccini che hanno ballato su una musica romena. Lo spettacolo è stato molto coinvolgente, interessante e accattivante. Terminata l'esibizione, tutti si sono precipitati agli stand ad assaggiare le specialità offerte dai vari paesi. Molto affollati erano gli stand dell'Italia, del Senegal, del Perù, della Romania, dell'India e del Pakistan. Ogni Nazione ha preparato le proprie specialità, che sono andate letteralmente a ruba, tanto erano buone. Nello stand dell'Italia si potevano gustare pizzette, focacce, torte e biscotti di vario tipo. Il Senegal era presente con delle frittelle buonissime. Il Perù offriva le gelatine multicolori e piatti prelibati. Lo stand più «piccante» con spezie veramente forti è stato quello della Romania. Nel reparto dell'India si potevano anche fare i tatuaggi con l'hennè. TUTTO si è svolto serenamente come previsto in modo tranquillo e gioioso. È stata proprio una bella festa dell'Intercultura, dove si sono condivisi cibo, ricette, tradizioni e cultura. Festa gradita a tutti, piccoli e grandi. Speriamo poter ripetere questa tradizione anche l'anno prossimo, in quanto si tratta di un appuntamento importante per la società sommese. Questa esperienza dimostra come siano i più piccoli con la loro semplicità a dare esempio di rispetto e convivenza pacifica agli adulti.

CLICCA QUI PER APRIRE LA PAGINA